Archivi categoria: Uncategorized

Distribuzione automatica, crescono fatturato e macchine installate

Sono più di 6 mila in Italia le attività del settore legato alla distribuzione automatica. Tra sedi (3.620) e unità locali (2.676), dalle bevande ai gelati e dai prodotti parafarmaceutici ai gadget i distributori automatici crescono del 4,1% in un anno e del 17,7% in cinque. La crescita del comparto è dovuta soprattutto all’apertura di nuove unità locali, mentre le sedi di impresa restano stabili rispetto al 2018, e aumentano dell’1% dal 2014, passando da 3.588 a 3.620.

Secondo un’elaborazione della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi sui dati del registro imprese al secondo trimestre 2019 la Lombardia è la prima regione italiana per numero di attività, con 877 tra sedi di impresa e unità locali (di cui 525 sedi,) e un peso del 13,9% sul fatturato totale nazionale..

Roma, Milano e Torino sul podio

Roma con 431 attività, 6,8% del totale italiano, Milano con 353 (5,6%) e Torino con 306 (4,9%) sono i primi tre territori per concentrazione, seguiti da Bari, Napoli, Cagliari, Taranto, Genova, Lecce e Firenze. Tra i primi dieci territori, crescono in un anno soprattutto Bari (+13,4%), Taranto (+12%) e Firenze (+8,9%). In cinque anni maggior aumento a Taranto (+211,8%), Bari (+125,2%) e Lecce (+80%). In crescita, secondo l’associazione italiana della distribuzione automatica Confida, crescono anche il fatturato, che arriva a quasi 4 miliardi (+4,7%), vending machine installate (822.175, +1,4%) e consumazioni (12 miliardi).

Più varietà, qualità e sostenibilità

“È un settore dinamico e in crescita – commenta Massimo Trapletti, residente di Confida – in cui l’Italia è leader a livello europeo. Gli sforzi delle aziende del settore sono attualmente orientate all’innovazione tecnologica delle vending machine, che oggi iniziano a essere connesse, dotate di touch screen per una migliore esperienza d’acquisto del consumatore e di pagamenti cashless”. Ma l’impegno del comparto si sta orientando soprattutto verso la qualità e la varietà dei prodotti alimentari offerti. E verso la sostenibilità, attraverso la raccolta e il riciclo di tutta la plastica di bicchierini e palette del caffè, riporta Askanews.

Il caffè rimane il prodotto più consumato, ma cresce anche il bio

Il caffè resta il prodotto più consumato, con il 56% delle vendite dell’intero settore, che corrispondono a 2,8 miliardi di consumazioni (+1,68%). Seguono l’acqua (767 mila consumazioni, +0,43%) e le altre bevande fredde (224mila consumazioni), dove spicca la crescita delle bevande zero zuccheri (+53%).

Per quanto riguarda gli snack (oltre 787 mila consumazioni annue) si segnala la crescita del cioccolato (+1,8%), e dei croissant (+5,4%), e tra i prodotti freschi i panini/tramezzini (+4,5%) e la frutta (+8,8%). Vero boom negli ultimi anni è quello della frutta secca, che anche quest’anno cresce del +12%. Ma aumentano anche le vendite di prodotti nuovi per il vending, come le bevande bio (+6%), snack bio (+25%) e quelli gluten free (+15%).

Bambini e allergie, la colpa è del cibo spazzatura

Il cibo spazzatura è messo sotto accusa dai pediatri. Esiste infatti una correlazione significativa tra i livelli sottocutanei di alcuni composti rilevati nei bambini con allergie alimentari e il consumo di cibo spazzatura. A dimostrarlo è uno studio condotto dall’Università Federico II di Napoli e presentato a Glasgow durante il 52° meeting annuale dell’European Society of Paediatric Gastroenterology, Hepatology and Nutrition. In pratica, i livelli più elevati di una serie di composti chimici prodotti quando gli zuccheri si combinano con proteine o grassi, detti prodotti finali della glicazione avanzata o Age, si trovano in abbondanza nel junk food, e ora vengono associati con l’allergia alimentare nei bambini.

Livelli sottocutanei più alti di Age trovati nei bimbi con allergie alimentari

È la prima volta che viene trovata un’associazione tra queste sostanze e l’allergia alimentare. I ricercatori dell’Università Federico II di Napoli hanno infatti osservato 61 bimbi tra 6 e 12 anni, divisi in tre gruppi: bambini piccoli con allergie alimentari, bambini con allergie respiratorie, e coetanei sani di controllo. I bambini con allergie alimentari presentavano livelli sottocutanei più alti di Age rispetto ai piccoli con allergie respiratorie o a quelli sani. Inoltre, il team ha trovato prove convincenti relative al meccanismo d’azione di queste sostanze nel determinare l’allergia alimentare.

Finora non si spiegava il drammatico aumento osservato negli ultimi anni

Sebbene manchino statistiche consolidate sulla prevalenza di questo problema a livello mondiale, riporta Adnkronos, vi sono segnali crescenti di un’incidenza in aumento, in particolare tra i bambini piccoli.

“Fino a ora le ipotesi e i modelli di allergia alimentare non spiegavano adeguatamente il drammatico aumento osservato negli ultimi anni – dice Roberto Berni Canani, a capo del Programma Allergie del Dipartimento di Scienze mediche traslazionali dell’Università Federico II e a capo del Laboratorio di Immunonutrizione del Ceinge – quindi gli Age potrebbero essere l’anello mancante”.

L’etichettatura dei prodotti industriali non basta

Le autorità sanitarie pubbliche dovrebbero impegnarsi di più per la prevenzione e la cura delle allergie alimentari. “Questi nuovi risultati mostrano che ci sono ancora molte questioni ambientali e alimentari che influiscono sulla nostra salute e il nostro benessere – commenta Isabel Proaño, direttrice delle comunicazioni dell’European Federation of Allergy and Airways Diseases Patients Association (Efa) -. I professionisti sanitari e i pazienti non hanno tutte le informazioni importanti per affrontare una malattia che ha un impatto drammatico sulla qualità della vita, e l’etichettatura dei prodotti industriali non li aiuterà”.

Rifiuti elettronici, cresce la raccolta

L’Italia sta dimostrando di avere una coscienza più “green” anche nello smaltimento dei rifiuti elettronici, che sono – con l’aumento e il turnover delle apparecchiature – sempre di più. Il dato positivo arriva da Ecolight, uno dei maggiori sistemi collettivi per la gestione dei Raee (rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche), delle Pile e degli Accumulatori. Ecolight è un consorzio nazionale senza fini di lucro che raccoglie quasi 1.800 aziende su tutto il territorio e ha perciò l’effettivo polso della situazione.

17mila tonnellate di Raee

Tra smartphone, tablet, piccoli elettrodomestici e apparecchi di varia utilità Ecolight ha raccolto quasi 17.000 tonnellate nel 2018, con una crescita del 5,4% rispetto ai dodici mesi precedenti. “Nel corso del 2018, l’attività complessiva di Ecolight ha permesso di avviare ad un corretto recupero e trattamento quasi 24mila tonnellate di rifiuti elettronici», dice il direttore generale Giancarlo Dezio. “Di queste, oltre il 70% è rappresentato da piccoli elettrodomestici, telecomandi, cellulari e oggetti elettrici ed elettronici di uso quotidiano che non funzionano più. I Raee, ovvero i rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche, sono un rifiuto inquinante se non correttamente gestito: l’attenzione per l’ambiente passa anche da piccole accortezze quotidiane, come il corretto conferimento di questa tipologia di rifiuti”.

I rifiuti elettronici come risorsa 
Classificati nel raggruppamento R4, i rifiuti derivanti dai piccoli elettrodomestici e dall’elettronica di consumo sono un’importante risorsa. “Sono riciclabili fino a quasi il 95% del loro peso2 specifica Dezio. “È possibile ricavarne significative quantità di plastica, ferro e vetro; tutti materiali che, se opportunamente trattati, possono diventare materie prime seconde ed essere re-immesse sul mercato dando così concretezza all’economia circolare”.

Troppi device non vengono smaltiti correttamente

Non tutti i prodotti tecnicamente appartenenti a questo gruppo finisce però nel circolo virtuoso del trattamento di riciclo e recupero. Si stima infatti che solamente un cellulare non più funzionante su cinque sia conferito correttamente. La maggior parte rimane in fondo ad un cassetto o in cantina, oppure nel peggiore dei casi viene messo nel sacco dell’indifferenziato. Ma lo smaltimento è diventato più facile e accessibile. Il consorzio ha infatti dato vita ad un progetto di EcoIsole RAEE, ovvero cassonetti automatizzati dove poter conferire i Raee di piccole dimensioni. “Attraverso le 31 postazioni che abbiamo posizionato in luoghi ad elevata frequentazione come i centri commerciali, i punti vendita di grandi dimensioni oppure spazi pubblici, negli ultimi dodici mesi sono state raccolte 102 tonnellate di piccoli RAEE. Trattandosi di oggetti piccoli dal peso medio al di sotto dei 500 grammi, è un buon risultato che viene amplificato dalla capacità di coinvolgimento che hanno le nostre EcoIsole: nel solo 2018 sono state utilizzate da oltre 2,5 milioni di persone” conclude il direttore generale.