Archivi categoria: Blogging

Come sarà il 2020? Previsioni, aspettative e speranze dei cittadini del mondo

Il nuovo anno è iniziato, e Gallup International ha pubblicato i risultati della 43a edizione del Sondaggio Mondiale di Fine Anno su previsioni, aspettative e speranze dei cittadini di 46 paesi di tutto il mondo. Come sarà quindi il 2020 per i cittadini del nostro Pianeta? Secondo Gallup, di cui BVA-Doxa è partner per l’Italia, per il 37% della popolazione mondiale il 2020 sarà migliore, mentre 1 cittadino su 4 è pessimista. In particolare, le popolazioni del Medio Oriente sono prevalentemente pessimiste (52%), ma l’Europa occidentale è l’area più pessimista dopo quest’area. Inoltre, i Paesi non appartenenti all’Unione Europea sono 2 volte più ottimisti dei Paesi europei occidentali, e in India e nei Paesi dell’Asia Occidentale (Afghanistan, Azerbaijan, Kazakhstan, Pakistan, Turchia) prevalgono previsioni ottimistiche. Anche se gli Americani sono significativamente più fiduciosi dei Russi.

Nigeria, Perù e Albania i più ottimisti, Libano, il più pessimista

A livello di singoli Paesi, i più ottimisti sono Nigeria (73%), Perù e Albania (70%), Kazakhstan (67%) e Armenia (62%). Tra i i paesi pessimisti invece, al primo posto c’è il Libano (76%), seguito da Hong Kong (68%), Giordania (60%) e Italia (59%). In ogni caso, i dati su previsioni e aspettative appaiono fortemente correlati all’età e al livello d’istruzione. Gli intervistati d’età inferiore ai 35 anni e con titoli di studio più elevati risultano significativamente più ottimisti, mentre la religione sembra non essere un fattore discriminante. Con un’eccezione, gli induisti, di gran lunga più ottimisti.

La Colombia è il Paese più felice, la Giordania il più infelice

Per quanto riguarda le percezioni relative alla felicità personale, nella Top Five dei Paesi più felici secondo il Global Happiness Indexdi Gallup, al primo posto si piazza la Colombia, dove i felici superano gli infelici di 88 punti. Al secondo l’Indonesia (86), seguita dall’Ecuador (85), il Kazakhstan (83), la Nigeria e le Filippine (78). I Paesi meno felici sono invece la Giordania, dove gli infelici superano i felici di 38 punti, il Libano (-15), la Siria (-7), Hong Kong e Iraq, con un saldo però positivo di +5 punti.

Italia al 31° posto del Global Happiness Index

E l’Italia? Il nostro Paese si trova circa a due terzi della classifica, al 31° posto, con 42 punti. Risultato del 48% di felici (ma solo 2% molto felici e 46% abbastanza), e 6% di infelici. E una porzione piuttosto ampia (45%) di nostri concittadini si schiera al centro della scala, dichiarandosi né felici né infelici.

Giovani e giovanissimi sono però molto più felici della propria vita rispetto agli individui di età più avanzata. In particolare, tra i 15 e i 17 anni i felici sono 3 su 4 (76%), tra i 18-34 anni 2 su 3 (65%), e 6 su 10 (59%) nella fascia 35-44.

La porzione dei felici si attesta poi al 45% tra i 45 e i 64 anni, per scendere (29%) nella fascia over 64.

Bambini e allergie, la colpa è del cibo spazzatura

Il cibo spazzatura è messo sotto accusa dai pediatri. Esiste infatti una correlazione significativa tra i livelli sottocutanei di alcuni composti rilevati nei bambini con allergie alimentari e il consumo di cibo spazzatura. A dimostrarlo è uno studio condotto dall’Università Federico II di Napoli e presentato a Glasgow durante il 52° meeting annuale dell’European Society of Paediatric Gastroenterology, Hepatology and Nutrition. In pratica, i livelli più elevati di una serie di composti chimici prodotti quando gli zuccheri si combinano con proteine o grassi, detti prodotti finali della glicazione avanzata o Age, si trovano in abbondanza nel junk food, e ora vengono associati con l’allergia alimentare nei bambini.

Livelli sottocutanei più alti di Age trovati nei bimbi con allergie alimentari

È la prima volta che viene trovata un’associazione tra queste sostanze e l’allergia alimentare. I ricercatori dell’Università Federico II di Napoli hanno infatti osservato 61 bimbi tra 6 e 12 anni, divisi in tre gruppi: bambini piccoli con allergie alimentari, bambini con allergie respiratorie, e coetanei sani di controllo. I bambini con allergie alimentari presentavano livelli sottocutanei più alti di Age rispetto ai piccoli con allergie respiratorie o a quelli sani. Inoltre, il team ha trovato prove convincenti relative al meccanismo d’azione di queste sostanze nel determinare l’allergia alimentare.

Finora non si spiegava il drammatico aumento osservato negli ultimi anni

Sebbene manchino statistiche consolidate sulla prevalenza di questo problema a livello mondiale, riporta Adnkronos, vi sono segnali crescenti di un’incidenza in aumento, in particolare tra i bambini piccoli.

“Fino a ora le ipotesi e i modelli di allergia alimentare non spiegavano adeguatamente il drammatico aumento osservato negli ultimi anni – dice Roberto Berni Canani, a capo del Programma Allergie del Dipartimento di Scienze mediche traslazionali dell’Università Federico II e a capo del Laboratorio di Immunonutrizione del Ceinge – quindi gli Age potrebbero essere l’anello mancante”.

L’etichettatura dei prodotti industriali non basta

Le autorità sanitarie pubbliche dovrebbero impegnarsi di più per la prevenzione e la cura delle allergie alimentari. “Questi nuovi risultati mostrano che ci sono ancora molte questioni ambientali e alimentari che influiscono sulla nostra salute e il nostro benessere – commenta Isabel Proaño, direttrice delle comunicazioni dell’European Federation of Allergy and Airways Diseases Patients Association (Efa) -. I professionisti sanitari e i pazienti non hanno tutte le informazioni importanti per affrontare una malattia che ha un impatto drammatico sulla qualità della vita, e l’etichettatura dei prodotti industriali non li aiuterà”.

Smart mobility, dopo la crescita nel 2018 il mercato rallenta

La flotta di veicoli in smart mobility, a noleggio o in sharing in Italia ha superato quota 1 milione. Ogni giorno per ragioni di business o turismo oltre 900.000 persone sulle strade italiane utilizzano i servizi del noleggio a lungo termine, 130.000 i servizi di noleggio a breve termine e 33.000 il car sharing.

In Italia però la transizione dall’utilizzo di veicoli di proprietà a quelli in sharing o noleggio è sempre più sostenuta. L’incertezza economica e le frizioni politiche, sommate alle antiquate normative in tema di mobilità e ad alcuni recenti interventi, di fatto stanno rallentando il trend. La conferma arriva dalla 18esima edizione del Rapporto Aniasa, l’Associazione che all’interno di Confindustria rappresenta il settore dei servizi di mobilità

La flotta supera il milione di veicoli e il fatturato raggiunge quasi 7 miliardi di euro

Secondo il rapporto un’auto immatricolata su 4 è a noleggio, e nel 2018 il settore ha complessivamente registrato una crescita della flotta di veicoli in circolazione, arrivata a 1.092.000 unità (+12% sul 2017), e del fatturato (6,8 miliardi, +10%). L’andamento positivo ha subito però un deciso rallentamento delle immatricolazioni nella seconda parte dell’anno, che dopo anni di crescita in doppia cifra hanno frenato la corsa (482.000, +0,4%), pur confermando la significativa incidenza sull’intero mercato automotive, di cui rappresentano quasi il 25%.

Il quadro di incertezza economica frena le scelte di mobilità

I dati relativi al primo trimestre del 2019 confermano la rilevanza del settore e il contestuale rallentamento del trend di nuove immatricolazioni (-14%). A frenare lo sviluppo, oltre a ragioni di calendario per il noleggio a breve termine, è il quadro di incertezza economica che sta rallentando le scelte di mobilità di privati e aziende. A ciò si aggiungono alcune misure assunte negli ultimi mesi a livello nazionale (normativa bonus-malus) e locale (blocchi della circolazione anche per i veicoli diesel Euro 6), che hanno prodotto un generale clima di attesa.

“Sul fronte istituzionale si apprezza la volontà di aggiornare il Codice della Strada”

Alle scelte di 77.000 aziende di ogni dimensione, riporta Askanews, e di 2.900 Pubbliche Amministrazioni che si affidano al noleggio long term, si aggiungono nel 2018 i 5,3 milioni di contratti per esigenze di breve termine e i 12 milioni di noleggi del car sharing.

“I dati testimoniano l’inarrestabile evoluzione della mobilità italiana con il graduale passaggio dalla proprietà all’uso dei veicoli – dichiara il Presidente Aniasa Massimiliano Archiapatti -. Se si apprezza sul fronte istituzionale la volontà di aggiornare un Codice della Strada fermo al 1992, che non considera l’evoluzione della sharing mobility e non contempla adeguatamente neanche il noleggio, non altrettanto può dirsi per misure poco efficaci come la normativa bonus-malus sull’auto”.

 

L’AI non spaventa gli italiani, la mancanza di competenze sì

L’Intelligenza artificiale non fa paura agli italiani, che guardano all’innovazione come un’opportunità per il proprio futuro professionale. Due terzi dei dipendenti italiani ritiene che automazione, robotica e AI influenzeranno positivamente il lavoro nei prossimi cinque o dieci anni. E l’80% considera positivamente l’impatto della tecnologia sul mondo del lavoro. Ma se si considerano le competenze richieste dalla digitalizzazione la percezione cambia. E se i lavoratori italiani sentono di dover sviluppare le proprie capacità per riuscire a tenere il passo con il progresso tecnologico, l’offerta di competenze digitali non viene considerata  ancora sufficiente.

Lo evidenzia l’ultima edizione del Randstad Workmonitor, l’indagine trimestrale sul mondo del lavoro, condotta in 34 Paesi su un campione di 405 lavoratori.

L’80% degli italiani è ottimista

Secondo l’indagine la maggior parte degli italiani vede il crescente impatto della tecnologia sul mondo del lavoro come un’opportunità. In particolare, l’80% (+6% sulla media globale e 10% sulla media europea), una percentuale che ci colloca al 12° posto rispetto ai 34 Paesi analizzati. In Europa soltanto Grecia (82%) e Portogallo (83%) sono più ottimisti di noi. Il 65% dei lavoratori, inoltre, è convinto che automazione, robotica e AI avranno un impatto positivo (+25% rispetto al 2014), sei punti in più rispetto alla media globale, e dodici rispetto alla media dei Paesi europei: solo la Polonia (68%) ha un atteggiamento più favorevole.

Acquisire nuove competenze per mantenersi competitivi

L’87% dei lavoratori italiani avverte la necessità di acquisire sempre nuove competenze per mantenersi competitivi sul mercato, riferisce Adnkronos. E se l’indagine rivela un atteggiamento favorevole dei lavoratori italiani nei confronti dell’AI, allo stesso tempo fa emergere quanto l’offerta e la padronanza di questo tipo di competenze non sia ancora sufficiente a gestire un cambiamento sociale, culturale e tecnologico così profondo.

Una carenza di competenze digitali che gli italiani avvertono sia nelle imprese sia nelle istituzioni scolastiche e universitarie.

Solo il 41% delle imprese offre corsi di formazione digitale

Sempre secondo la ricerca solo il 41% delle aziende offre corsi di formazione ai propri dipendenti. E solo il 50% degli italiani ritiene che le università forniscano le giuste competenze digitali per preparare gli studenti al futuro nel mondo del lavoro. Una percentuale che ci colloca in 32a posizione su 34 Paesi, per un -18% rispetto alla media globale e un -15% rispetto alla media europea.

Il 56% dei lavoratori, inoltre, pensa che gli studenti siano in grado di rispondere alla richiesta di competenze investendo autonomamente nella propria formazione digitale.

“La partita per cogliere tutti i benefici dell’intelligenza artificiale si gioca quindi sulla capacità del sistema formativo e delle imprese di sviluppare le competenze digitali di studenti e lavoratori – commenta Marco Ceresa, amministratore delegato Randstad Italia – ma su questo piano la strada da fare è ancora lunga”.

Incidenti sul lavoro, meno infortuni ma più morti

Gli infortuni sui luoghi di lavoro sono fortunatamente in diminuzione ma, d’altro canto e purtroppo, sono aumentate le morti sul lavoro. La mappa di queste tragedie è il frutto di un lavoro di raccolta dati dell’Inail. Tra gennaio e settembre 20178, infatti, sono state presentate all’Istituto 469.008 denunce di infortunio sul lavoro (-0,5% rispetto allo stesso periodo del 2017), 834 delle quali con esito mortale (+8,5%). Le patologie di origine professionale denunciate sono state 44.083 (+1,8%).

L’effetto del crollo del ponte Morandi

Come riporta una nota diffusa da Askanews, le denunce di infortunio sul lavoro con esito mortale presentate all’Istituto nei primi nove mesi di quest’anno sono state 834,65 in più rispetto alle 769 denunciate nel 2017 tra gennaio e settembre (+8,5%). L’aumento è dovuto soprattutto all’elevato numero di decessi avvenuti lo scorso mese di agosto rispetto all’agosto 2017 (109 contro 65). Diversi di questi sono stati causati da quelli che vengono definiti “incidenti plurimi”, cioè quegli incidenti che provocano contemporaneamente la morte di due o più lavoratori. Nel solo mese di agosto, infatti, si è contato lo stesso numero di vittime (36) in incidenti plurimi dell’intero periodo gennaio-settembre 2017. Tra gli eventi responsabili di questo tragico “bollettino”, quest’anno si registrano in particolare modo il crollo del ponte Morandi a Genova e gli incidenti stradali avvenuti a Lesina e a Foggia, in cui hanno perso la vita numerosi braccianti. Allargando l’analisi dei dati ai primi nove mesi, nel 2018 tra gennaio e settembre si sono verificati in totale 18 incidenti plurimi che sono costati la vita a 66 lavoratori, rispetto ai 12 incidenti plurimi del 2017, che hanno causato 36 morti.

Più incidenti nel Nord Italia e nel settore Industria

In base ai dati Inail rilevati al 30 settembre, appare evidente a livello nazionale un incremento sia dei casi avvenuti in occasione di lavoro, che sono passati da 551 a 581 (+5,4%), sia di quelli occorsi in itinere, in aumento del 16,1% (da 218 a 253). Nei primi nove mesi di quest’anno si è registrato un incremento di 67 casi mortali (da 648 a 715) nella gestione Industria e servizi e di cinque casi in Agricoltura (da 100 a 105), a fronte di un decremento di sette casi nel Conto Stato (da 21 a 14).

L’analisi territoriale evidenzia un incremento di 40 casi mortali nel Nord-Ovest (da 183 a 223), di 15 nel Nord-Est (da 196 a 211) e di 14 al Sud (da 165 a 179). Leggeri cali si rilevano al Centro (da 158 a 156) e nelle Isole (da 67 a 65). Ci sono differenze anche a livello regionale: 20 casi in più del Veneto (da 70 a 90) e 19 in più in Lombardia (da 94 a 113). Decremento netto invece in Abruzzo (da 38 a 22) e nelle Marche (da 28 a 15).

Tra le vittime più uomini che donne

L’aumento rilevato nel confronto tra i primi nove mesi del 2017 e del 2018 è legato prevalentemente alla componente maschile, i cui casi mortali denunciati sono stati 64 in più (da 696 a 760), mentre quella femminile ha registrato un decesso in più (da 73 a 74). L’incremento ha interessato sia le denunce dei lavoratori italiani (da 649 a 698), sia quelle dei lavoratori extracomunitari (da 84 a 97) e comunitari (da 36 a 39).